EMILY DICKINSON – 15 poesie (traduzioni e cura di Silvia Bre, Edizioni Einaudi, 2011-2019)

Una selezione di poesie della grande Emily Dickinson tratte dalla “trilogia antologica” pubblicata da Einaudi, con traduzioni e cura di Silvia Bre.
 
 
 
da “Centoquattro poesie” (Einaudi, 2011)
 
 
 
Not with a Club, the Heart is broken
Nor with a Stone –
A Whip so small you could not see it
I’ve known
 
To lash the Magic Creature
Till it fell,
Yet that Whip’s Name
Too noble then to tell.
 
Magnanimous as Bird
By Boy descried –
Singing unto the Stone
Of which it died –
 
Shame need not crouch
In such an Earth as Our’s –
Shame – stand erect –
The Universe is your’s.
 
[1304]
 
 
Non con un bastone si spezza il cuore
né con una pietra –
una frusta tanto sottile che non si può vederla
io l’ho sentita
 
staffilare la magica creatura
finché cadde,
anche se il nome di quella frusta
troppo nobile allora per dire.
 
Magnanima come un uccello
scovato da un ragazzo –
che canta verso il sasso
di cui muore –
 
La vergogna non deve acquattarsi
in un pianeta come il nostro –
Vergogna – sta su dritta –
è tuo l’universo.
 
 
 
It sounded as if the streets were running
And then – the streets stood still –
Eclipse – was all we could see at the Window
And Awe – was all we could feel.
 
By and by – the boldest stole out of his Covert
To see if Time was there –
Nature was in an Opal Apron –
Mixing fresher Air.
 
[1397]
 
 
Fu come udire strade correr via
e poi – le strade far silenzio –
eclisse – non vedevamo altro alla finestra
e sgomento – non provavamo altro.
 
Piano piano – il piú ardito sgusciò dal suo riparo
per vedere se là c’era il Tempo –
la Natura stava in grembiule opale –
e impastava aria piú pura.
 
 
 
I have no Life but this –
To lead it here –
Nor any Death – but lest
Dispelled from there –
Nor tie to Earths to come –
Nor Action new –
Except through this Extent –
The Realm of you –
 
[1398]
 
 
Vita non ho che questa –
da condurre qui –
né morte alcuna – se non
cacciata via da lí –
né vincoli con mondi a venire –
né azioni nuove –
se non entro questo raggio –
il tuo reame –
 
 
 
The Road was lit with Moon and star –
The Trees were bright and still –
Descried I – by – the distant Light
A traveller on a Hill –
To magic Perpendiculars
Ascending, though terrene –
Unknown his shimmering ultimate –
But he indorsed the sheen –
 
[1450]
 
 
La strada era accesa di luna e di una stella –
gli alberi erano vividi e fermi –
Io scorsi – nel – chiaro lontano
un viandante su un colle –
salire per verticali magiche
sebbene della terra –
Ignota la sua cima di luce –
ma lui garantiva lo splendore –
 
 
 
I know of people in the Grave
Who would be very glad
To know the news I know tonight
If they the chance had had
’Tis this expands the least event
And swells the scantest deed
My right to walk upon the Earth
If they this moment had
 
[1665]
 
 
So di persone nella tomba
che sarebbero molto felici
per le notizie che io so stasera
se ne avessero avuta l’occasione
è questo che dilata un fatto minimo
e accresce l’azione più banale
il mio diritto di camminare sulla terra
se l’avessero loro in questo istante
 
 
 
da “Uno zero più ampio” (Einaudi, 2013)
 
 
God permits industrious Angels –
Afternoons – to play –
I met one – forgot my schoolmates –
All – for Him – straightway –
God calls home – the Angels – promptly –
At the Setting Sun –
I missed mine – how drearyMarbles
After playing Crown!
 
[231]
 
 
Dio permette agli angeli industriosi –
di giocare – il pomeriggio –
Ne ho incontrato uno – dimenticai i compagni –
tutta – per lui – subito –
 
Dio chiama a casa – gli angeli – di corsa –
al tramonto del sole –
Io persi il mio – che squallore – le biglie –
dopo aver giocato alla corona!
 
 
 
The lonesome for they know not What –
The Eastern Exiles – be –
Who strayed beyond the Amber line
Some madder Holiday –
 
And ever since – the purple Moat
They strive to climb – in vain –
As Birds – that tumble from the clouds
Do fumble at the strain –
 
The Blessed Ether – taught them –
Some Transatlantic Morn –
When Heaven – was too common – to miss –
Too sure – to dote upon!
 
[262]
 
 
I desolati che non sanno per cosa –
esuli dell’oriente – sono –
che oltrepassarono la linea d’ambra
in una vacanza piú folle –
 
e da allora – il purpureo fossato
si sforzano di risalire – invano –
come uccelli – che si lanciano dalle nuvole
non fanno che ricercare il batticuore –
 
che l’etere beato – insegnò loro –
in un qualche transatlantico mattino –
quando il cielo – era troppo normale – per mancarlo –
troppo sicuro – per impazzire!
 
 
 
Who Giants know, with lesser Men
Are incomplete, and shy –
For Greatness, that is ill at ease
In minor Company –
 
A Smaller, could not be perturbed –
The Summer Gnat displays –
Unconscious that his single Sail
Do not comprise the skies –
 
[796]
 
 
I giganti, a conoscerli, con uomini inferiori
sono incompleti, e timidi –
perché lei, la grandezza, è a disagio
tra compagni minori –
 
Uno piú piccolo, non può essere turbato –
Il moscerino estivo si dispiega –
ignaro che la sua sola vela
non circoscrive i cieli –
 
 
 
I stepped from Plank to Plank
A slow and cautious way
The Stars about my Head I felt
About my Feet the Sea –
 
I knew not but the next
Would be my final inch –
This gave me that precarious Gait
Some call Experience –
 
[875]
 
 
Avanzavo di asse in asse
un lento e cauto cammino
le stelle intorno al capo percepivo
intorno ai piedi il mare –
 
Nulla sapevo se non che il successivo
poteva essere il mio centimetro finale –
Questo mi dava quell’andatura incerta
che chiamano esperienza alcuni –
 
 
 
On that dear Frame the Years had worn
Yet precious as the House
In which We first experienced Light
The Witnessing, to Us –
 
Precious! It was conceiveless fair
As Hands the Grave had grimed
Should softly place within our own
Denying that they died.
 
[940]
 
 
Su quella cara forma consunta dagli anni
però preziosa come la casa
in cui prima provammo la luce
la testimonianza, per noi –
 
preziosa! Era una bellezza inconcepibile
come se mani imbrattate dalla tomba
dolcemente si posassero tra le nostre
negando di essere morte.
 
 
 
da “Questa parola fidata (Terza Centuria)” (Einaudi, 2019)
 
 
 
I hav’nt told my garden yet –
Lest that should conquer me.
I hav’nt quite the strength now
To break it to the Bee –
 
I will not name it in the street
For shops w’d stare at me –
That one so shy – so ignorant
Should have the face to die.
 
The hillsides must not know it –
Where I have rambled so –
Nor tell the loving forests
The day that I shall go –
 
Nor lisp it at the table –
Nor heedless by the way
Hint that within the Riddle
One will walk today –
 
[50]
 
 
Ancora non l’ho detto al mio giardino –
perché mi potrebbe sopraffare.
Non ho certo la forza a questo punto
di rivelarlo all’ape –
 
Non ne farò parola per la strada
stupirebbe le botteghe che io –
quella cosí ignorante – cosí timida
abbia la sfrontatezza di morire.
 
Non devono saperlo le colline –
dove ho vagato tanto –
e non ditelo alle foreste devote
il giorno in cui dovrò andare –
 
né si sussurri a tavola –
né si accenni sbadatamente
per la via che oggi una entrerà
dentro l’enigma –
 
 
 
«Hope» is the thing with feathers –
That perches in the soul –
And sings the tune without the words –
And never stops – at all –
 
And sweetest – in the Gale – is heard –
And sore must be the storm –
That could abash the little Bird
That kept so many warm –
 
I’ve heard it in the chillest land –
And on the strangest Sea –
Yet, never, in Extremity,
It asked a crumb – of me.
 
[254]
 
 
«Speranza» è la cosa con piume –
che si posa nell’anima –
e canta l’aria senza le parole –
e proprio – non smette mai –
 
E si sente – dolcissima – nel vento –
e dev’essere furiosa la tormenta –
per riuscire a intimorire l’uccellino
che ha riscaldato tanti –
 
L’ho udito nella landa piú fredda –
e sul mare piú sconosciuto –
eppure, mai, nella disperazione,
ha chiesto da parte mia – una briciola.
 
 
 
We dream – it is good we are dreaming –
It would hurt us – were we awake –
But since it is playing – kill us,
And we are playing – shriek –
 
What harm? Men die – externally –
It is a truth – of Blood –
But we – are dying in Drama –
And Drama – is never dead –
 
Cautious – We jar each other –
And either – open the eyes –
Lest the Phantasm – prove the Mistake –
And the livid Surprise
 
Cool us to Shafts of Granite –
With just an age – and name –
And perhaps a phrase in Egyptian –
It’s prudenter – to dream –
 
[531]
 
 
Sogniamo – questo sognare è un bene –
ci farebbe male – fossimo svegli –
ma visto che è per finta – uccidiamoci,
e urliamo – che facciamo finta –
 
Che male c’è? Si muore – là fuori –
è verità – di sangue –
ma noi – muoriamo in scena –
e la scena – non muore mai –
 
Ma attenti – a non urtarci a vicenda –
e che uno dei due – non apra gli occhi –
cosí che il fantasma – mostri l’equivoco –
e la sorpresa livida
 
ci raggeli in stele di granito –
con sopra solo un’epoca – e un nome –
e magari una frase egizia –
Sognare – è piú cauto –
 
 
 
This is a Blossom of the Brain –
A small – italic Seed
Lodged by Design or Happening
The Spirit fructified –
 
Shy as the Wind of his Chambers
Swift as a Freshet’s Tongue
So of the Flower of the Soul
It’s process is unknown –
 
When it is found, a few rejoice
The Wise convey it Home
Carefully cherishing the spot
If other Flower become –
 
When it is lost, that Day shall be
The Funeral of God,
Upon his Breast, a closing Soul
The Flower of our Lord –
 
[945]
 
 
Questo è un germoglio del cervello –
un piccolo – seme in corsivo
piantato di proposito o dal caso
e reso fruttuoso dallo Spirito –
 
Timido come il vento con le sue stanze
svelto come una lingua di torrente
cosí è il fiore dell’anima
il suo processo è ignoto –
 
Quando viene trovato, alcuni esultano
i saggi lo portano a casa
sorvegliando con amore il punto
capitasse mai un altro fiore –
 
Quando va perso, quel giorno
sarà il funerale di Dio,
sul suo petto, un anima che si chiude
il fiore del Signore nostro –
 
 
 
We send the Wave to find the Wave –
An Errand so divine,
The Messenger enamored too,
Forgetting to return,
We make the wise distinction still,
Soever made in vain,
The sagest time to dam the sea
is when the sea is gone –
 
[1604]
 
 
Mandiamo l’onda a cercare l’onda –
missione cosí divina
che anche la messaggera s’innamora,
e si dimentica il ritorno,
facciamo ancora la saggia distinzione,
per quanto venga fatta invano,
il tempo giusto per arginare il mare
è quando il mare è andato –

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...